Calcolo fabbisogno termico e kw per riscaldamento

Se vuoi capire come dimensionare un impianto riscaldamento è necessario effettuare il calcolo del fabbisogno termico di ogni stanza di casa del tuo appartamento. Una volta che abbiamo calcolato il fabbisogno è possibile fare il calcolo dei kw per il riscaldamento di casa. Con questi conteggi si può anche valutare il consumo di gas del riscaldamento e fare due conti sulla spesa energetica giornaliera e annua. Vediamo insieme tutti questi elementi per valutare quale tipologia di impianto di riscaldamento scegliere e come far realizzare il nostro impianto di riscaldamento con il giusto fabbisogno energetico.

Per conoscere il costo di un impianto di riscaldamento dobbiamo alcuni elementi tutti legati al fabbisogno energetico in base ai mq di casa da riscaldare:

  • Numero di termosifoni o radiatori.
  • Potenza nominale della caldaia.

Il primo punto è legato al corretto dimensionamento ed il calcolo dei termosifoni. Definire il numero di radiatori e la loro composizione in termini di numero di elementi è fondamentale per un impianto efficiente. Come vedremo in avanti nel corso dell’articolo, questo calcolo è legato al fabbisogno termico giornaliero di ogni stanza di casa.

Il secondo punto, la potenza nominale della caldaia, permette di comprare una caldaia che sia in grado di soddisfare la richiesta energetica in Watt del nostro impianto di riscaldamento. Entrambi i precedenti punti ci permettono di ottenere il corretto dimensionamento di un impianto di riscaldamento ed avere un’idea dei costi necessari. Torniamo al nostro tema principale, iniziando a capire cosa significa fabbisogno termico. Per parlare con un esperto chiedi un preventivo gratuito.

Fabbisogno termico: cosa significa e modalità di calcolo

Quando si parla di fabbisogno termico cosa si intende? Dal punto di vista tecnico rappresenta la potenza termica che un impianto di riscaldamento, o anche condizionamento, deve fornire alle stanze di un edificio per mantenere costante una temperatura interna. Il fabbisogno termico, anche detto carico termico, deve bilanciare la potenza termica uscente con quella entrante.

Qe = Qu

Nella precedente equazione Qu rappresenta la potenza termica uscente. Questo valore si calcola tramite la sommatoria delle seguenti perdite di energia di un edificio attraverso:

  • Pareti opache (muri, tetto, pavimento, …) e trasparenti (finestre, vetri, …).
  • Ponti termici dell’edificio.
  • Vicinanza di altri locali riscaldati (altre case, …).
  • Locali a piano terra con dispersione nel terreno o con garage e cantine sotto.
  • Infiltrazioni d’aria attraverso l’involucro (finestre, cassonetti, …).
  • Ventilazione e rinnovo dell’aria interna.
  • Esposizione errata al sole delle stanze.

Queste perdite di energia di un edificio devono essere bilanciate dalla potenza termica entrante Qe. Il calcolo di questa potenza viene fatto sommando sia gli apporti termici gratuiti che quelli derivanti dall’impianto di riscaldamento. Di seguito degli esempi di apporto termico gratuito

  • La luce solare e l’esposizione di casa.
  • Illuminazione interna di casa.
  • Presenza di persone.

Per completare l’equazione manca la potenza nominale della caldaia del nostro impianto di riscaldamento. Teoricamente abbiamo ulteriori perdite dovuto all’impianto di distribuzione ed altri fattori per il corretto calcolo del rendimento termico, ma per semplicità non le consideriamo.

Per dimensionare un impianto di riscaldamento, non si considerano gli apporti gratuiti e si calcolano le varie dispersioni termiche nelle situazioni peggiori. Si ipotizza una temperatura esterna costante e minima rispetto alla città o comune di riferimento. Il riferimento normativo per le temperature minime è il DPR 1052/77.

Ecco un estratto del DPR 1052/77 per alcune città Italiane.

CittàTemperatura esterna (°C)
Torino-8
Milano-5
Roma0
Napoli+2
Palermo+5

Per dimensionare in modo corretto i kw del tuo impianto di riscaldamento necessari a passare un inverno tranquillo, contatta subito un professionista termo tecnico esperto per fare i calcoli

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Fabbisogno termico di un edificio: La norma UNI TS 11300-1

La normativa di riferimento per il calcolo del fabbisogno termico di un edificio è la norma UNI TS 11300-1 in riferimento alle prestazioni energetiche di un edificio. Questa norma, che sostituisce la UNI 10379:2005, definisce come calcolare il fabbisogno di energia termica per il riscaldamento e la climatizzazione estiva di un edificio su base mensile.

Si base di calcolo mensile perché per nelle formule si utilizzano le temperature medie giornaliere mensili dei capoluoghi di provincia Italiani presenti nella norma UNI 10349:1994 “Dati climatici convenzionali (medie mensili e anni caratteristici)”.

Importante: per ottenere un progetto di un impianto di riscaldamento a norma e conforme rispetto alle attuali normative e leggi, ti devi rivolgere ad un termo-tecnico abilitato. Il tecnico può essere un ingegnere, architetto, geometra o perito tecnico, e deve essere iscritto al relativo albo professionale.

Quali sono i fattori che migliorano il fabbisogno termico

Nei precedenti capitoli abbiamo visto che l’impianto di riscaldamento deve bilanciare le diverse perdite di energia di casa. Questo vuol dire che è possibile ridurre il fabbisogno e di conseguenza il consumo energetico del fabbricato anno tramite degli interventi che riducono le perdite di energia.

  • Cappotto termico esterno per migliorare isolamento termico dell’edificio.
  • Ventilazione di casa progettata per aumentare l’efficienza ed il confort abitativo.
  • Sfruttare al meglio gli apporti gratuiti solari.
  • Scambiatori di calore per il recupero del calore disperso.
  • Interventi per migliorare il rendimento dell’edificio.

Esempio concreto sono le case passive che ottimizzano al meglio qualsiasi fonte energetica e limitano al massimo le dispersioni energetiche di uno stabile. Si tratta di nuove costruzioni. Nel caso di una ristrutturazione è importante seguire i consigli di una ditta esperta per ottimizzare il nostro impianto e risparmiare anche sull’energia.

Zone climatiche italiane del DPR 412/93

Prima di addentrarci nei calcoli e in alcuni esempi per semplificare la lettura, affrontiamo un ultimo argomento: le Zone Climatiche Italiane. Il DPR 412/93 ha definito delle “Zone Climatiche” su tutto il territorio italiano definendo un parametro Gradi Giorno GG. La formula di riferimento è la seguente:

Nei nostri calcoli il valore Ti è pari a 20° C. La Ti utilizzata è la temperatura di riferimento del DPR 412/93 da usare nei progetti per ambienti interni riscaldati di tipo residenziale, uffici, scuole, attività commerciali e simili. Per altre tipologie di ambienti come piscine e saune la Ti è di 28° C mentre per palestre, locali industriali o laboratori artigiani la temperatura deve essere di 18° C.

La temperatura Te,j è la temperatura media giornaliera esterna. La sommatoria j è rispetto a tutti i giorni dell’anno dove Te,j è inferiore a 12° C. Con questa formula il legislatore ha identificato 6 zone climatiche nazionali.

Per ogni zona climatiche il legislatore ha definito il periodo di esercizio degli impianti di riscaldamento e la temperatura esterna del progetto da realizzare. La temperatura degli ambienti per norma deve essere intorno a 20° C con due gradi di tolleranza a meno di specifiche deroghe comunali.

Zone ClimaticheGradi GiornoPeriodo di esercizio riscaldamentoOre accensione Località
Zona AGG < 6001° Dicembre - 15 Marzo6 oreLampedusa, Linosa, Porto Empedocle
Zona B600 < GG < 9001° Dicembre - 31 Marzo8 oreAgrigento, Catania, Crotone, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa, Trapani
Zona C900 < GG < 140015 Novembre - 31 Marzo10 oreBari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Imperia, Latina, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari, Taranto
Zona D1400 < GG < 21001° Novembre - 15 Aprile12 oreAncona, Ascoli Piceno, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Firenze, Foggia, Forli', Genova, Grosseto, Isernia, La Spezia, Livorno, Lucca, Macerata, Massa, Carrara, Matera, Nuoro, Pesaro, Pesaro, Pescara, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Savona, Siena, Teramo, Terni, Verona, Vibo Valentia, Viterbo
Zona E2100 < GG < 300015 Ottobre - 15 Aprile14 oreAlessandria, Aosta, Arezzo, Asti, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Como, Cremona, Enna, Ferrara, Cesena, Frosinone, Gorizia, L'Aquila, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Modena, Novara, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Piacenza, Pordenone, Potenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Rovigo, Sondrio, Torino, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Vicenza
Zona FGG > 3000200 gg. dal 15 OttobreNessu limiteBelluno, Cuneo
Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Calcolo del fabbisogno termico invernale in kW

Torniamo la tema dei calcoli. Per un impianto di riscaldamento si parla di carico termico invernale o fabbisogno termico invernale che si misura in Kcal (Kilo Calorie) o Kw (Kilo Watt). Il calcolo dei kw per riscaldamento si può fare in diversi modi, dal più semplice (approssimativo) al più complesso (preciso).

I calcoli per il fabbisogno termico in kw per il riscaldamento si possono basare sia sulla base dei mc (metri cubi) che dei mq (metri quadri) di superficie. Vediamo un metodo semplificati di calcolo:

  • Volume della stanza x Coefficiente Termico

Per altri metodologie più precise sono necessarie diverse misurazioni e informazioni sui materiali utilizzati con la Trasmittanza Termica che definisce il potere isolante termico di un elemento in base alla sua composizione (muro, finestra, porta, … Torniamo al metodo semplificato che permette di avere un’idea del un fabbisogno energetico. Oltre ai metri cubi dell’area da riscaldare dobbiamo conoscere il coefficiente termico.

Il coefficiente termico è un valore che oscilla tra i 30 kcal/mc ed i 40 kcal/mc in base alle condizioni termiche della casa, le metodologie di costruzione ed alla zona climatica di appartenenza. Ad esempio, in montagna useremo un coefficiente termico alto, al mare ed al sud uno basso. Per semplicità di calcolo consideriamo un coefficiente termico con un valore medio di 35 kcal/mc.

Esempio di calcolo di fabbisogno termico casa per 100 mq

Proviamo a fare un esempio pratico di calcolo del fabbisogno calorico di casa per un appartamento da 100 mq a Roma. Ipotizziamo che il coefficiente termico ha un valore medio di 35 kcal/mc e un’altezza del soffitto di 2,70 m.

Fabbisogno Termico in calorie = (100 mq x 2,70 m) x 35 kcal/mc = 9.450 kcal

Una volta ottenute le calorie le possiamo trasformare in kW di fabbisogno termico con la formula 1 Kcal = 1,163 watt.

Fabbisogno Termico in kw = 9.450 kcal x 1,163 / 1.000 = 11 kW

Conteggio analogo si può fare ovviamente per calcolare il fabbisogno energetico di una stanza o di un edificio. Nella successiva tabella abbiamo riportato per semplicità diversi esempi di conteggio in base ai mq di casa.

Dimensioni casa (mq)Volume casa (mc)Fabbisogno termico (Kcal)Fabbisogno termico (Kw)
50 mq135 mc4.725 Kcal5,5 Kw
60 mq162 mc5.670 Kcal6,6 Kw
70 mq189 mc6.615 Kcal7,7 Kw
80 mq216 mc7.560 Kcal8,8 Kw
90 mq243 mc8.505 Kcal9,9 Kw
100 mq270 mc9.450 Kcal11,0 Kw
110 mq297 mc10.395 Kcal12,1 Kw
120 mq324 mc11.340 Kcal13,2 Kw
130 mq351 mc12.285 Kcal14,3 Kw
140 mq378 mc13.230 Kcal15,3 Kw
150 mq405 mc14.175 Kcal16,4 Kw

A conclusione ti forniamo un semplice excel per il calcolo del fabbisogno energetico xls.

Calcolo fabbisogno energetico giornaliero

Completiamo con il calcolo del fabbisogno energetico giornaliero da non confondere con quanto abbiamo visto in precedenza. Prendiamo come riferimento l’esempio per la casa di 100 mq dove la potenza termica richiesta è di 11 kW.

Facciamo due esempi per Roma e Milano, dove il riscaldamento può stare accesso 12 ore e 14 ore. Se stiamo a Roma il fabbisogno giornaliero è di 131 kW/giorno (11 Kw x 12 ore) mentre per Milano è di 154kW/giorno (11 Kw x 14 ore)

Per chiudere, contatta subito un esperto gratis per dimensionare nel modo corretto un impianto di riscaldamento e calcolare in modo preciso il fabbisogno termico di casa.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Sei un Architetto, Ingegnere, Geometra o un termo tecnico esperto e vuoi ricevere gratis richieste di preventivo per trovare nuovi clienti, registrati gratis seguendo questo link: Registra la tua impresa GRATIS

Lascia un commento o fai una domanda