Insufflaggio: isolare termicamente casa spendendo poco

La tecnica di insufflaggio è una valida soluzione a basso costo per isolamento termico di casa. Con questa tecnica riusciamo ad isolare a basso costo pareti esterne con intercapedine o anche spazi non confinati come un solaio di un sottotetto. In questo articolo vedremo cosa vuol dire fare un insufflaggio di pareti esterne oppure di un solaio di un sottotetto spendendo poco.

Continua a leggere questa guida per valutare al meglio come effettuare l’isolamento termico di casa con insufflaggio in intercapedine dei muri esterni di casa o di un spazio orizzontale non confinato come un solaio. Una gran parte dell’articolo è dedicata al tema di insufflaggio pareti o muri esterni in quanto è la tecnica di coibentazione pareti esterne maggiormente utilizzata in alternativa al cappotto termico.

Visto che in questo periodo il tema detrazioni fiscali è molto caldo, prima di entrare nel dettaglio di cosa significa, dei costi di insufflaggio termico e ad altre informazioni, segnaliamo che come riportato da una ricerca ENEA:

Un lavoro di insufflaggio può rientrare tra gli interventi di risparmio energetico

Questo vuol dire che è possibile sfruttare gli incentivi fiscali attualmente disponibili come il Bonus Facciata 2020 con detrazione del 90% o le agevolazioni sul risparmio energetico EcoBonus con detrazioni fino a 75%. In entrambi i casi è importante affidarsi ad un professionista o una ditta esperta di isolamento termico per sfruttare al meglio le detrazioni fiscali e risparmio molti soldi.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Il significato di insufflaggio in intercapedine

Se vogliamo trovare una definizione, quando parliamo di insufflaggio in intercapedine ci riferiamo ad una soluzione di coibentazione che prevede di inserire nell’intercapedine perimetrale di muratura a cassa vuota dei materiali isolanti termici. Come vedremo nel prossimo capitolo è possibile usare questa tecnica anche per solai o strutture orizzontali senza intercapedine.

L’isolamento termico in intercapedine è una modalità di eseguire degli interventi di risparmio energetico a basso costo e facilmente realizzabili. In particolare quando vogliamo coibentare delle case di vecchia costruzione come anni 60, 70 o 80. Le pareti esterne delle case costruite in quegli anni hanno una intercapedine perimetrale di aria tra la muratura interna ed esterna delle pareti che può andare da 5-8 cm fino a 30 cm.

L’insufflaggio in intercapedine permette di riempire questa zona vuota con del materiale isolante. Si può fare dall’interno di casa o dall’esterno. Vengono effettuati dei fori di diametro variabile tra 5 e 10 cm sulla parete (iniziando dal basso) e tramite una macchina per insufflaggio viene spinto all’interno l’isolante termico.

In caso di rifacimento della facciata è da valutare l’insufflaggio visto che si può fare esternamente durate i lavori in facciata. E’ un lavoro che deve essere effettuato a regola d’arte da professionisti esperti per evitare problemi di ponti termici a causa di zone con una parziale coibentazione delle pareti esterne o mal riempite.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Insufflaggio solaio o sottotetto

La tecnica dell’insufflaggio si può utilizzare anche per i cosiddetti volumi aperti come un solaio di un sottotetto. In questo caso il materiale viene inserito con una densità minore con la finalità di riempire il volume. Vengono posizionate delle barriere ai lati per evitare che il materiale isolante vada in altre zone.

Anche quando pensi di fare un intervento solamente sulle pareti esterne dovresti valutare sempre se hai un solaio aperto. In questo caso è una superficie disperdente del calore in modo importante. Per questo motivo si procede anche ad effettuare un insufflaggio del solaio o del sottotetto per coibentare perfettamente casa.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Insufflaggio pareti o cappotto termico

Nel caso di interventi di coibentazione di pareti esterne esistenti abbiamo due possibilità, insufflaggio o cappotto termico. Entrambi gli interventi hanno le finalità di risparmio energetico e per questo motivo di permettono di usufruire delle detrazioni fiscali.

Come scegliere tra insufflaggio nelle pareti o il cappotto termico per isolare una facciata di casa? Prima di affrontare il tema della qualità dell’intervento in termini di efficientamento energetico, confrontiamo la tipologia di lavoro da fare.

Nel caso del cappotto termico dobbiamo applicare sulla facciata di casa dei pannelli isolanti. La parete della facciata viene inizialmente pulita e preparata per poi applicare questi pannelli. E’ un intervento con il miglior risultato di isolamento termico ma non sempre è possibile realizzarlo. Per i seguenti svantaggi o limiti:

  • Il cappotto termico ha un costo elevato rispetto all’insufflaggio.
  • Devi controllare se hai vincoli urbanistici sul tuo edificio che non ti permette di realizzare il cappotto.
  • Realizzare il cappotto generalmente richiede di rifare gli infissi o eventuali grate a causa dello spessore dei pannelli.

Se non si riesce o non si vuole fare un cappotto la scelta è realizzare un insufflaggio delle pareti in intercapedine. Questo lavoro è sempre una valida alternativa, per i seguenti vantaggi:

  • Costo al mq notevolmente minore rispetto al cappotto.
  • Si riesce a raggiungere un ottimo livello di isolamento termico.
  • Nessun impatto estetici sulla facciata del palazzo.
  • Non è necessario rifare gli infissi.
  • Riesci a sfruttare le detrazioni fiscali.

Come limite se l’insufflaggio non è fatto a regola d’arte o anche l’ispezione e la valutazione preliminare è fatta male ci sono dei rischi di ponti termici, con possibili muffe e condense. Per evitare questi problemi basta parlare con una impresa seria con esperienza di insufflaggio della tua città.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Quando conviene fare l’insufflaggio

Se si decide di realizzare un intervento di insufflaggio delle pareti, conviene farlo quando dobbiamo rifare la facciata del nostro condominio o per una singola abitazione nel caso di una ristrutturazione completa di casa. I motivi sono diversi, molti sono legati a come viene eseguito l’intervento, vediamo quali sono.

Per insufflare termicamente una parete è necessario realizzare dei fori sul muro da dove viene insufflato il materiali isolante con l’apposita macchina per insufflaggio. Se non devi fare i lavori in esterno, è necessario realizzare l’intervento dall’interno della parete quindi dopo aver completato il lavoro devi rifare la parte interna di casa.

Quindi se devi ristrutturare casa non è un problema. Analogamente se stai pianificando di rifare la facciata puoi farlo dall’esterno senza problemi. Altra scelta per la quale ti conviene l’insufflaggio è se devi isolare solamente una parte di edificio o solo una parete. In questo caso anche se lo realizzi dall’interno può valerne la pena.

Insufflaggio e Ecobonus 110%

Da Luglio 2020 a Dicembre 2021 può far fare un intervento di Insufflaggio a costo zero. La detrazione Ecobonus 110% compresa nel pacchetto del Decreto Legge Rilancio contenente le misure di contrasto all’emergenza CoronaVirus. L’insufflaggio è uno degli interventi ammessi da questa detrazione, come isolamento termico “verticale”:

Isolamento termico superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo.

Come puoi leggere il primo vincolo è che l’intervento deve coprire una superficie lorda superiore al 25%. Altri requisiti molto importanti sono:

  • Migliorare la prestazione energetica dell’edificio di almeno due classi energetiche.
  • Raggiungere la classe energetica più alta.

In aggiunta, come per il normale EcoBonus 2020 il raggiungimento di una classe energetica deve essere fatto tramite l’APE (Attestato di Prestazione Energetica) e la comunicazione ENEA tramite un professionista.

L’asseverazione di un professionista serve a certificare che le spese sono congrue e l’intervento ha garantito i requisiti. Per non fare errori è importante che ti rivolgi ad un esperto di isolamento termico.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Materiali per insufflaggio intercapedini

Per realizzare un insufflaggio termico in intercapedine possiamo scegliere tra diversi materiali isolanti sia sintetici che di origine minerale o vegetale

Insufflaggio: Materiali IsolantiOrigineConducibilità termica lambda “λ”
W/mK
Coefficiente di permeabilità al vapore “µ”Sfasamento Termico
(spessore 10 cm)
Capacità termica specifica "c"
J/KgK
Densità
Kg/m³
Reazione al fuoco
Schiuma polistirene espanso EPSSintetico0,034 - 0,05020 -10030 min - 1 ora1200 - 150015 - 30Classe E
Perle di EPSSintetico0,035 - 0,0402 - 5nd1200 - 150010 - 30Classe E
Schiuma poliuretanicaSintetico0,025 - 0,03530 - 15030 min - 1 ora1300 - 140025 - 50Classe B-C-D-E, s2-s3, d0
Argilla espansaMinerale0,09 - 0,122 - 8nd900 - 1100280 - 450Classe A1 –A1fl
Lana di rocciaMinerale0,038 - 0,0451 - 31 - 2 ore850 - 110030 -150Classe A1 –A1fl
Lana di vetroMinerale0,038 - 0,0531 - 31 - 2 ore850 - 110011 - 100Classe A1- A2s1d0
Perlite espansaMinerale0,05 - 0,061 - 23 - 4 ore800 - 90030 - 150Classe A1
Vermiculite espansaMinerale0,077 - 0,0822 - 3nd800 - 110080 - 120Classe A1 –A1fl
Vetro cellulare in granuliMinerale0,055 - 0,066Infinito3 - 4 ore800 - 900130 - 180Classe A1 –A1fl
Fibra di cellulosa in fiocchiVegetale0,039 - 0,0421 - 24 - 5 ore1600 - 190020 - 60Classe E
Fibra di legnoVegetale0,038 – 0,0482 - 54 - 5 ore1900 – 210050 - 170Classe E
Sughero in granuliVegetale0,043 - 0,0525 – 302 - 3 ore1600 - 190090 - 130Classe E

In media tutti quanti hanno delle buone caratteristiche di isolamento termico. Per l’isolamento dal freddo (conducibilità termica) in genere quelli organici sintetici hanno una resa migliore, ma anche quelli vegetali e organici non sono male. Spesso troviamo soluzioni con insufflaggio in poliuretano in schiuma. Lato isolamento termico estivo (capacità termica e sfasamento termico) i materiali isolanti di origine vegetali hanno delle performance ottime di protezione dal caldo, come quelli sintetici, meno quelli minerali. Classico è l’insufflaggio con cellulosa.

Per il tema traspirabilità (coefficiente di permeabilità al vapore) i materiali vegetali sono i migliori, mentre quelli sintetici sono decisamente i peggiori. Anche quelli minerali non garantiscono una buona traspirabilità, questo è uno svantaggio della la lana di roccia o di vetro. Ultimamente si parla molto della tecnica di insufflaggio con cellulosa per le sue qualità termiche ed il basso costo del materiale.

Affidati ad un esperto di isolamento termico per la scelta del miglior materiali isolante da utilizzare per insufflare le pareti di casa dall’intercapedine perimetrale e garantirti il risultato atteso.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Schiuma isolante per intercapedini

Nel caso di insufflaggio un ruolo importante lo svolgono le schiume isolanti per intercapedini. Questi materiali spesso sintetici, ad esempio la schiuma poliuretanica, hanno la caratteristica di inserirsi in profondità all’interno dell’intercapedine.

Il vantaggio dall’utilizzo della schiuma è chiaramente dato da questa caratteristica. Come svantaggio stiamo sempre parlando di materiali sintetici. Le schiume più famose sono:

  • Schiuma poliuretanica espansa
  • Schiuma resina ureica espansa

La tecnica di insufflaggio con schiuma poliuretanica è quella ad oggi maggiormente utilizzata. Questa schiuma deriva dal Poliuretano Espanso Rigido (PUR) ed ha un costo di da 280€ a 320€ al mc. L’insufflaggio con resina ureica è attualmente poco utilizzata sebbene costa di meno, circa 200€ al mc.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Insufflaggio intercapedine esperienze

Se vogliamo parlare delle opinioni ed esperienze, le voci sono abbastanza comuni. Per quanto riguarda le esperienze di insufflaggio in intercapedine i principali vantaggi che troviamo sono, in particolare anche rispetto al cappotto:

  • E’ possibile farlo dall’interno senza l’utilizzo dei ponteggi.
  • Non richiede la sostituzione delle finestre e degli infissi.
  • Anche pluviali o gronde non vengono cambiate o spostate.
  • Costo ridotto rispetto ad altre soluzioni.
  • Velocità nei tempi di posa dell’isolante.

Sempre in termini di esperienze ed opinioni sull’insufflaggio negative, questi sono gli svantaggi raccontati:

  • Se l’intervento viene fatto male si creano i ponti termici con possibili problemi di muffa e condensa
  • Se eseguito dall’interno è necessario rifare la tinteggiatura della parete interna.
  • Rispetto al cappotto termico ha una resa minore, ma comunque buona.

In genere i commenti, le opinioni e le esperienze sull’insufflaggio sono positive. La cosa importante è rivolgersi a delle ditte serie ed esperte di isolamento termico.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Ponti termici ed insufflaggio

Se il lavoro no viene fatto da un professionista a regola d’arte, abbiamo il rischio di ottenere dei ponti termici con l’intervento di insufflaggio. Vediamo perché c’è questa correlazione tra ponti termici ed insufflaggio nel caso di un lavoro fatto male.

Come prima cosa possiamo definire un ponte termico una zona di un involucro di un edificio con una discontinuità del flusso termico, cioè del passaggio di calore esterno-interno. Nella pratica un ponte termico su una parete è un punto freddo. Esempio zone vicine ad un pilastro, una trave, cordoli, …

Quindi se l’insufflaggio viene realizzato male c’è il rischio di creare delle zone non riempite con delle sacche di aria che possono generare questi ponti termici. Una ditta esperta prima di effettuare il lavoro valuta attentamente dove sono i punti critici di casa e trova la soluzione per ovviare o ridurre al minimo il rischio.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Quanto costa l’insufflaggio al mq

Chiudiamo l’argomento con il costo dell’insufflaggio al mq. Come prima cosa i costi dipendono molto dal materiale isolante scelto e dal tipo di lavoro che si sta facendo. Ad esempio se facciamo l’insufflaggio durante una ristrutturazione di casa o il rifacimento della facciata il costo è basso. Per fare due conti nel caso della facciata puoi immaginare un 10% -15% del costo totale del lavoro.

Se valutiamo solamente il costo di insufflaggio possiamo ipotizzate da 15€ a 25€ al mq con un materiale isolante sintetico di prezzo medio. Ma per poter stimare nel modo corretto i prezzi di un insufflaggio in parete o anche in solaio è obbligatorio far fare il sopralluogo ad una ditta esperta. Il sopralluogo deve valutare il miglior intervento da fare, quali materiali utilizzare ed anche come sfruttare al meglio le detrazioni per risparmiare.

Altamente sconsigliato effettuare un intervento di insufflaggio intercapedini fai da te sia per il risultato del lavoro, che per l’impossibilità di accedere alle detrazioni. Non perdere tempo, contatta subito i migliori professionisti e imprese della tua città (Roma, Milano, Torino e da tutta Italia) per valutare come realizzare al meglio l’isolamento termico di pareti in intercapedine o solai, senza impegno.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Se sei un professionista, una ditta o un esperto di interventi di isolamento termico con insufflaggio e risparmio energetico e vuoi ricevere gratis richieste di preventivo per trovare nuovi clienti, registrati gratis seguendo questo link: Registra la tua impresa GRATIS

1 commento su “Insufflaggio: isolare termicamente casa spendendo poco”

  1. Buongiorno,
    il condominio dove abito (Prov.Monza) è già provvisto di cappotto termico realizzato in fase di costruzione nel 1990 e quindi con alcune zone ammalorate, ci si chiedeva se il rifacimento delle zone ammalorate con contestuale isolamento di tutte le facciate con il metodo dell’insufflaggio darebbe diritto ad usufruire del supoerbonus al 110% con inserimento a cascata delle altre agevolazioni per i singoli condomini, vale a dire sostituzione degli infissi/tende e caldaie a condensazione con valvole termostatiche.
    Grazie!

Lascia un commento o fai una domanda