Valvole termostatiche non obbligatorie

Il 31 Giugno 2017 era la data ultima per l’obbligo di installare le valvole termostatiche. Ma non sempre l’installazione è obbligatoria. Vediamo in quali casi abbiamo delle esenzioni che rendono non obbligatorie le valvole termostatiche.

Come spesso accade non tutti i condomini si sono messi in regola nei tempi e questo li mette in rischio di sanzioni amministrative per la mancata installazione delle termovalvole. A maggior ragione è importante capire se ci sono delle esenzioni e quando non sono obbligatorie.

Prima di approfondire il tema è utile capire a cosa servono. L’installazione di valvole termostatiche consente di quantificare i consumi reali di ogni condomino. Le valvole, infatti, agiscono come contatori individuali per la misurazione dei consumi di riscaldamento e di acqua calda. 

Per questo motivo tutti coloro che abitano in condomini con riscaldamento centralizzato avevano l’obbligo di installare valvole termostatiche e contabilizzatori di calore entro quella data.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Valvole termostatiche: esenzioni obbligo installazione

Principalmente le esenzioni dall’obbligo di installazione dei contabilizzatori di calore è possibile nei seguenti casi:

  • Impianti di riscaldamento autonomi
  • Tecnicamente impossibile adeguare l’impianto
  • Inefficienza in termini di costi

Il Decreto legislativo 18 luglio 2016, n. 141 ha introdotto l’eventualità di “impossibilità tecnica” e di “inefficienza in termini di costi” alla installazione dei sistemi di contabilizzazione del calore con conseguente esenzione. Fate molta attenzione, affidati sempre ad un professionista prima di decidere.

Per gli impianti autonomi la normativa consiglia l’installazione delle valvole, ma non c’è un obbligo delle valvole per un impianto autonomo.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

La norma UNI EN 15459: esenzione per impossibilità tecnica o inefficienza economica

L’efficienza in termini di costi deve essere valutata secondo i dettami della norma UNI EN 15459. Eventuali casi di impossibilità tecnica alla installazione dei sistemi di contabilizzazione devono essere certificati da specifica relazione tecnica di un tecnico abilitato. Ad esempio nel caso delle valvole termostatiche riscaldamento a pavimento, non avendo i radiatori la situazione deve essere analizzata da un tecnico. E’ anche vero che un riscaldamento a pavimento in genere è per un impianto autonomo.

Nei casi in cui l’uso di termovalvole non sia tecnicamente possibile o non sia efficiente in termini di costi, per la misura del riscaldamento si ricorre all’installazione di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore individuali all’interno delle unità immobiliari.

La contabilizzazione dei consumi individuali e la suddivisione delle spese connesse al consumo di calore per il riscaldamento deve avvenire in relazione agli effettivi prelievi volontari di energia termica utile e ai costi generali per la manutenzione dell’impianto, secondo quanto previsto dalla UNI 10200 e successivi aggiornamenti.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Esenzione impianti autonomi con obbligo di libretto

Come detto, l’obbligo di installazione delle valvole termostatiche riguarda solo i condomini e gli edifici polifunzionali dotati di impianti centralizzati o teleriscaldamento. L’obbligo, quindi, non si estende ai casi di impianti autonomi.

Tuttavia, per gli impianti termici nuovi o ristrutturati, è prescritta l’installazione di dispositivi per la regolazione automatica della temperatura dell’ambiente, nei singoli locali o nelle singole zone aventi caratteristiche di uso ed esposizioni uniformi.

Ricordate anche, infine, che per tutti gli impianti termici esiste l’obbligo di tenuta del libretto.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Preventivo installazione di valvole termostatiche

Stai discutendo con i tuoi condomini sui costi di installazione delle valvole termostatiche? Vuoi valutare e confrontare diversi preventivi per scegliere la migliore soluzione? A prescindere se sei obbligato per legge ad installare le valvole nel condominio oppure no, la loro installazione genera comunque un risparmio anche in un impianto autonomo.

In tutte le situazione è fondamentale affidarsi ad un professionista per capire se realmente ricadente in una delle precedenti esenzioni e quindi le valvole termostatiche non sono obbligatorie. Anche per l’impianto autonomo chiedete dei consigli.

Chiedi adesso un aiuto gratis e senza impegno a dei professionisti della vostra zona per valutare la necessità o meno di installare le valvole non solo per gli obblighi di legge ma anche per poter avere un risparmio energetico.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

26 commenti su “Valvole termostatiche non obbligatorie”

  1. arturo de feo

    vorrei sapere se obbligatorio anche con impianto centralizzato sotto traccia cioè sotto ilo pavimento . tenendo conto la costruzione circa 1960-65 dove in tre anni abbiamo cambiato cisterna,caldaia , canna fumaria . quindi cmq un impianto obsoleto con il rischio che possa rompersi qlc tubo sotto il pavimento con spese oltre misura oltre al costo che come da preventivo riulta essere oltre 1500,00 a condomino , ringrazio sin da ora per l’eventuale risposta

    1. Buongiorno. Gli impianti di riscaldamento a bassa temperatura sotto pavimento ci risultano incompatibili con l’installazione delle valvole termostatiche. Inoltre, anche la contabilizzazione dei consumi energetici per unità abitativa potrebbe essere molto difficoltosa in base alle modalità di distribuzione del calore.
      Diversamente, in caso in condominio decidiate per il rinnovo dell’impianto, questo dovrà chiaramente rispettare tutta la normativa vigente e, in caso di impianto a pannelli radianti, utilizzare valvole di zona termo-comandate per la contabilizzazione (non valvole termostatiche).

  2. Buongiorno!
    A settembre ho sostituito la vecchia caldaia autonoma con una nuova dello stesso tipo (non a condensazione).
    Ho effettuato anche la sostituzione degli infissi per il risparmio energetico nello stesso periodo.
    Sono obbligata ad installare le valvole?
    Grazie!

    1. Buongiorno Simona.

      Facendo riferimento alla norma, il decreto legislativo n. 192 del 2005, con le disposizioni correttive ed integrative introdotto dal decreto legislativo n. 311 del 29 dicembre 2006, all’art. 3, comma 3, lettera c), dice questo:

      Nel caso di ristrutturazione di edifici esistenti, e per quanto riguarda i requisiti minimi prestazionali di cui all’articolo 4, è prevista un’applicazione graduale in relazione al tipo di intervento. A tale fine, sono previsti diversi gradi di applicazione:

      a) una applicazione integrale a tutto l’edificio nel caso di:

      1) ristrutturazione integrale degli elementi edilizi costituenti l’involucro di edifici esistenti di superficie utile superiore a 1.000 metri quadrati;
      2) demolizione e ricostruzione in manutenzione straordinaria di edifici esistenti di superficie utile superiore a 1.000 metri quadrati;

      b) una applicazione integrale, ma limitata al solo ampliamento dell’edificio nel caso che lo stesso ampliamento risulti volumetricamente superiore al 20 per cento dell’intero edificio esistente;
      c) una applicazione limitata al rispetto di specifici parametri, livelli prestazionali e prescrizioni, nel caso di interventi su edifici esistenti, quali:

      1) ristrutturazioni totali o parziali, manutenzione straordinaria dell’involucro edilizio e ampliamenti volumetrici all’infuori di quanto già previsto alle lettere a) e b);
      2) nuova installazione di impianti termici in edifici esistenti o ristrutturazione degli stessi impianti;
      3) sostituzione di generatori di calore.

      Nel suo caso, quindi, la sostituzione della caldaia rientra nell’applicazione limitata al rispetto dei parametri energetici.
      In sostanza, nel caso di sostituzione, occorre fare un calcolo del rendimento della caldaia, che deve avere un rendimento termico utile superiore ad una quota prefissata, e installare le valvole termostatiche sui singoli radiatori e una centralina con cronotermostato per programmare l’accensione e lo spegnimento.

      Le consiglio, comunque, di rivolgersi ad un professionista che possa verificare la sua specifica situazione in tutti i dettagli e che la consigli su una scelta consapevole.

      Un cordiale saluto.

  3. Campana Giuseppe

    Scusate, vorrei sapere se un condominio composto da 4 proprietari e unità è esentato dall’obbligo dell’installazione delle valvole. Il mio amministratore ritiene di si, ma io non sono molo convinto

    1. Salve sig. Giuseppe. Da quello che mi dice, posso intuire che si tratta di un piccolo condominio di sole 4 unità abitative con impianto di riscaldamento centralizzato. Se questo è il caso, vale l’obbligo delle valvole.
      Il condominio, invece, sarebbe esentato nel caso in cui le 4 abitazioni abbiano impianti di riscaldamento autonomi oppure in presenza di particolari impedimenti tecnici che ne rendono impossibile l’installazione.
      In caso di dubbi, comunque, la migliore scelta è quella di far verificare sul posto la situazione ad un professionista che sappia dare una risposta certa alla sua specifica situazione.

      Un cordiale saluto e buona giornata.

  4. Buongiorno.Ho un appartamento a Torino in Condominio di 250mq.L’edificio e’ stato costruito nel 1963, e anche i serramenti sono di tale data.
    L’amministratore del condominio mi ha detto che e’ obbligatoria l’installazione delle valvole, ma a mio parere dal momento che l’immobile e’ “vecchio” e i materiali sono anch’essi “vecchi”, come peraltro la caldaia, dovrei essere esente da tale installazione.
    Posso avere un contatto telefonico con un tecnico abilitato di Torino, che possa asseverare che non e’ necessaria l’installazione delle termovalvole, poiche’ il risparmio non e’ congruo con la spesa dell’installlazione, quantifitcata in circa 3.000,00€?
    Grazie
    Cordiali saluti
    Filippo

  5. Salve sapendo che è obbligatorio installare le valvole termostatiche ai fini della detrazione del 65% per efficienza energetico dell’impianto, domando se è obbligatorio con la detrazione del 50% per ristrutturazione (rottura della caldaia vecchia) con una a condensazione, installare anche le valvole termostatiche PENA IL NON RICONOSCIMENTO DELLA DETRAZIONE. da una prima indagine non ho trovato info di obbligatorietà. Se SI, CORTESEMENTE INVIARE LA LEGGE DI RIFERIMENTO CHE NON TRATTI PERO’ LA RISTRUTTURAZIONE COME RIFACIMENTO DI IMPIANTO e la rispondenza parimenti con le condizioni dell’agenzia delle entrate
    grazie

  6. salve io abito in una palazzina di 8 unità con teleriscaldamento noi abbiamo gia il ripartitore di energia cioè ogni appartamento riceve dall iren bolletta teleriscaldamento bolletta acqua calda bolletta acqua fredda e cosi via siamo obbligati lostesso all installazione’

    1. Buongiorno Ombretta.
      Un impianto di teleriscaldamento è, di fatto, un impianto centralizzato per il quale vige l’obbligo di installazione delle valvole termostatiche.
      Per una risposta definitiva, comunque, è bene rivolgersi ad un professionista che possa verificare sul posto.

      Un cordiale saluto e buona giornata,
      Daniele.

  7. Enzo Antonio D'Avanzo

    Ho una casa autonoma, terra tetto, impianto riscaldamento effettuato nel 1980, radiatori di ghisa, ho cambiato la vecchia caldaia a gas nel 2015, sono obbligato a mettere le valvole termostatiche sul mio impianto di riscaldamento? Grazie per la risposta.

  8. Buongiorno ,
    sono proprietario di una nuova palazzina di quattro appartementi dati in affitto. L’impianto di riscaldamento è centralizzao e a pavimento.
    Ogni appartamento è dotato di contabilizzatore e poichè a questo si sta esaurendo la batteria, l’idraulico mi dice che non posso sostituirla ma devo cambiare il contabilizzatore.
    Inoltre se il costo è a carico mio o degli inquilini.
    Grazie per la risposta.

  9. Buona sera, abito in una casa ITEA con riscaldamento centralizzato in zona F. Vorrei sapere se ITEA è obbligata ad installare i contabilizzatori e le valvole termostatiche ?
    Grazie

  10. Il proprietario della casa in cui vivo composta da 4 unità abitative costruita negli anni 70 e con relativi vecchi impianti e serramenti, ha sostituito la caldaia ma NON ha inserito le valvole termostatiche limitandosi a sostituire quelle bloccate e non funzionanti con valvole di normale chiusura/apertura dei miei termosifoni. Ciò mi impedisce di conoscere i miei consumi costringendomi ad un contributo a percentuale fissa sui consumi generali. Siccome sono spesso assente anche dei mesi per lavoro mi pare scorretto pagare il riscaldamento con i termosifoni chiusi per metà dell’anno. Il proprietario si rifiuta di inserire le termostati che. Ha ragione per farlo?

    1. Buongiorno Lucia,
      innanzitutto grazie per aver letto l’articolo e per averci scritto.
      La mia opinione è che, se l’impianto di riscaldamento è centralizzato per le 4 unità abitative della casa, l’obbligo di installazione delle valvole termostatiche esiste e si applica.
      Lo scopo delle valvole, infatti, è proprio quello di conoscere il reale consumo di ogni unità abitativa e, da quello che scrivi, mi pare proprio che nel tuo caso questo non si possa fare.

      Un saluto e buona giornata.

  11. Salve vorrei sapere se in un piccolo condominio di 2^ case, nel quale il sistema di misurazione è fatto tramite un “contaore” individuale attivato attraverso un termostato ambientale da ciascun condomino, sia da ritenersi condizione di esenzione?

  12. Buonasera, l’installazione di valvole termostatiche è obbligatoria in caso di sostituzione di caldaia con condensazione e contestuale utilizzo dell’Ecobonus.
    Se, però, i radiatori sono in ghisa, è possibile dichiarare l’impossibilità tecnica o l’inefficienza in termini di costi? Perché non ho trovato radiatori in ghisa su cui sia prevista l’installazione di valvole termostatiche…
    Grazie, saluti

  13. Buongiorno ancora oggi 02/12/2019 nel mio condominio in milano in buon 30% non si sono dotati di valvole e contabilizzatori pur avendo il condomino affidato tale gestione ad una ditta specializzata, io adesso mi sento defraudato ben due volte la prima per avermi messo in regola con la legge installando valvole e contabilizzatori di una società che l’amministrazione mi ha fornito il nominativo in quanto è quella preposta per la contabilizzazione, la seconda io l’inverno non vivo costantemente in questo appartamento e non utilizzando la contabilizzazione sono costretto a sostenere i costi centrale termica secondo i vecchi conteggi millesimi.
    Adesso vorrei sapere se posso fare la mia denuncia alla provincia di milano settore energetico in quanto il mio condominio non rispetta la legge vorrei avere i dati di legge da citare in questa mia denuncia vi ringrazio e resto in attesa

  14. Filippo io ho speso 3500 euro spendo più di prima è ho più freddo di prima tenendole al massimo

  15. Tu fai parte di quella categoria che spegnerà sicuramente radiatori in nome del Dio risparmio…. Ti ho già inquadrato… Tu farai così il tuo vicino così, il condominio resterà freddo e chi accende spenderà il doppio…. Ho azzeccato?

  16. Roberta Ansaloni

    Abitiamo in una casa di 3 appartamenti 1 sfitto, 1 dove vivo io e uno dove vive la proprietaria dello stabile, termosifoni anni 70 penso di ghisa impianto centralizzato. È obbligatorio applicare i contacalorie? Come posso segnalare la mancanza della presenza degli stessi? Grazie

  17. Gaetano Aliberti

    Buongiorno. Vorrei porre il seguente quesito. Nel mio condominio (riscaldamento centralizzato con teleriscaldamento) nel 2016 sono state installati valvole termostatiche e contabilizzatori di calore. Sul radiatore del bagno è stata installato il solo contabilizzatore poiché, mi fu detto allora, il ristretto spazio tra radiatore e lavabo non consentiva l’installazione della valvola termostatica. Recentemente un idraulico ha effettuato un intervento presso casa mia e mi ha detto che tale motivazione non è corretta, poiché esistono termovalvole di tipo dual-flow che si possono installare sul termosifone in basso (dove lo spazio è sufficiente) e che posso pertanto richiedere l’installazione a carico del condominio, anche in considerazione del fatto che l’intervento di sostituzione mi è stato comunque addebitato. Vorrei sapere se tale informazione è corretta. Grazie.

  18. Domenico Ciuffolo

    Devo cambiare la caldaia vecchia con una a condensazione in un condominio con tutti impianti autonomi. Mi viene offerto una cessione del credito al 50% ma non in ristrutturazione edilizia (la cessione non è prevista) ma come ecobonus. A fronte di una spesa maggiore rifiuto la detrazione del 65% ( di conseguenza anche la cessione del 65%) e quindi rinuncio al cronotermostato modulante e le valvole termostatiche. La mia domanda è la seguente: sono tenuto comunque all’installazione delle valvole termostatiche nonostante io detrarrò o meglio cederò solo il 50% in Ecobonus?

Lascia un commento o fai una domanda