Superbonus 110%: domande e risposte sui lavori ammessi

Il 13 Maggio 2020 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Rilancio con le misure di contrasto all’emergenza economica del Coronavirus. In ambito edilizia è stata approvata una misura importante, il Superbonus 110% che viene così descritto nel comma 1 dell’articolo 128 del DL Rilancio.

Con l’articolo si provvede a incrementare al 110% l’aliquota di detrazione spettante a fronte di specifici interventi in ambito di efficienza energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di impianti fotovoltaici e installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici

Fonte ANSA: Decreto Rilancio Gazzetta Ufficiale

Come in tutte le situazioni ci sono molti dubbi e domande su quali lavori sono ammessi e come funziona in pratica il Superbonus e chi può sfruttarlo. Ecco una semplice guida con domande e risposte sul Superbonus 110%.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Quali sono gli incentivi al 110% del Sismabonus 2020

Il Sismabonus è pensato per potenziare le agevolazioni fiscali 2020 per il risparmio energetico e le misure antisismiche fino a tutto il 2021. Le detrazioni fiscali che sono state potenziate 110% sono:

  • Ecobonus 2020 al 110%: prima la detrazione partiva dal 65% fino ad un massimo del 75%.
  • Sismabonus 2020 al 110%: il precedente bonus era dal 50% fino al’80%.

E’ possibile usufruire di questi incentivi per le spese sostenute dal 1 Luglio 2020 al 31 Luglio 2021. Puoi attivarti da subito con una impresa per valutare l’avvio dei lavori di riqualificazione energetica di casa e condominio.

In quanti anni posso recuperare le spese Superbonus 2020

Anche questa è una novità importante del Superbonus 2020. Come per tutte le detrazioni fiscali attualmente in vigore le spese venivano recuperate come detrazione IRPEF in 10 anni. Con il Superbonus 2020 le spese sostenute vengono recuperate sempre come detrazione IRPEF, ma questa volta in 5 anni. La metà di prima un bel vantaggio.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Chi può usufruire del Superbonus 110%

Vediamo a chi spetta il Superbonus con l’agevolazione del 110%. Queste agevolazioni si applicano alle persone fisiche, ai condomini e agli IACP (Istituti Autonomi Case Popolari). Mentre non si applicano per l’esercizio di imprese, arti o professionisti.

Superbonus 110% e seconde case

Su questo tema è stato direttamente il sottosegretario alla presidenza del consiglio Riccardo Fracarro ha spiegato che il Superbonus si applica alle seconde case, se queste non sono unifamiliari.

La detrazione 110% non spetta se le spese sono per interventi su edifici unifamiliari non adibiti ad abitazione principale.

Quindi se hai una seconda casa che si trova in un condominio e volete fare degli interventi di risparmio energetico puoi sfruttare Ecobonus 110%. Se hai una villetta e questa è una seconda casa non puoi usufruire dell’agevolazione potenziata del 110%.

Cessione del credito con il Superbonus 2020

Con la cessione del credito per gli interventi del Superbonus 2020, le persone, famiglie e condomini possono fare il lavoro gratis. Questo vantaggio è dato dalla possibilità di cedere il credito a banche o intermediari finanziari da parte del cittadino o delle imprese che devono fare i lavori.

In pratica vuol dire che come contribuente hai la possibilità di cedere il credito di imposta maturato (che andresti a recuperare in 5 anni sull’IRPEF) direttamente alle banche, intermediari finanziari o all’impresa che deve eseguire i lavori, la quale però non è obbligata ad accettare.

Nel solo caso del Sismabonus se la cessione del credito avviene ad una impresa di assicurazioni contestualmente alla stipula di una polizza per rischio sismico, il costo della polizza è detraibile del 90%.

La cessione del credito ti permette di fare dei lavori di ristrutturazione o interventi di risparmio energetico completamente gratis e sena anticipare dei soldi.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Sconto in fattura con il Superbonus

Importante aiuto per le famiglie è lo sconto in fattura collegato alla cessione del credito. Con il Superbonus è stato reintrodotto lo sconto in fattura per tutti gli interventi con una detrazione (non solo 110%).

Le persone possono scegliere se anticipare le spese e poi recuperarle con la normale detrazione IRPEF oppure sfruttare lo sconto in fattura, senza spendere nulla per il Superbonus 110%.

Lo sconto in fattura viene fatto direttamente dal fornitore. Successivamente il fornitore potrà recuperarlo come forma di credito di imposta cedibile a banche, intermediari finanziari o altri soggetti.

In pratica, se fai dei lavori nel condominio per un valore di 100 mila euro, che ovviamente rientrano nel Superbonus 110%, ottieni uno sconto dall’impresa di 100 mila euro. L’impresa a sua volta incassa da una banca 100 mila euro e gli cede un credito fiscale di 110 mila euro.

Per te o il condominio, il vantaggio di non anticipare nessun costo (lavori gratis). Le imprese hanno il vantaggio di ottenere subito la liquidità dalla banca per l’intero importo. E le banche che usufruiscono della liquidità dell’euro sistema, in 5 anni hanno un margine del 10%.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Superbonus 110%: lavori già iniziati? Cosa fare

Se hai già iniziato i lavori di efficientamento energetico, chiaramente la domanda che ti poni è se puoi beneficiare del 110% per completarli. Questo tema non è molto chiaro ed è importante aspettare delle novità.

Però nel Decreto si parla di spese sostenute a partire dal 1 Luglio 2020, e non di inizio lavori. Quindi sembra possibile beneficiare del bonus 110% anche per i lavori iniziati e sospesi. Per i costi sostenuti nella prima parte del 2020, la cosa migliore è conservare (cosa da fare comunque) eventuali fatture e bonifici effettuati e capire se ci saranno delle deroghe per i primi mesi, ma allo stato attuale no.

Sismabonus 110%: quali sono gli interventi e lavori ammessi

Iniziamo a vedere per quali interventi e lavori posso beneficiare del Superbonus 110%, partendo dal Sismabonus.

Puoi beneficiare del Sismabonus al 110% per i seguenti lavori:

  • Messa in sicurezza statica: in questo caso si passa dal 50% al 110%
  • Riduzione di una classe di rischio: questi interventi prima erano dal 70% o 75% per condomini
  • Riduzione di due classi di rischio: questi interventi prima erano dal 80% o 785% per condomini

La cosa importante è che l’agevolazione 110% è per la gli edifici che si trovano in zona sismica 1 e zona sismica 2.

Altrimenti si seguono nel normali regole del Sismabonus 2020. In caso di demolizione e ricostruzione il 110% si estende anche alla zona sismica 3.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

EcoBonus 110%: requisti di classe energetica, APE e asseverazione

Passiamo all’argomento risparmio energetico. In questo caso è possibile beneficiare della detrazione EcoBonus 110% per tutti gli interventi di riqualificazione energetica che rispettano uno di questi requisiti:

  • Migliorare la prestazione energetica dell’edificio di almeno due classi energetiche.
  • Raggiungere la classe energetica più alta.

Come per il normale EcoBonus 2020 il raggiungimento di una classe energetica deve essere fatto tramite l’APE (Attestato di Prestazione Energetica) e la comunicazione ENEA.

La qualità degli interventi avviene tramite la procedura di asseverazione da parte di un professionista che “certifica” anche se le spese sono congrue rispetto a quanto fatto.

Per evitare problemi, danni o risarcimenti causati da asseverazioni errate, il professionista o tecnico deve avere una polizza assicurativa per responsabilità civile.

Nei prossimi paragrafi vedremo degli esempi di interventi con Ecobonus 110%. In caso di dubbio parla subito con una impresa esperta di tematiche di risparmio energetico.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

EcoBonus 110%: quali sono i lavori ammessi

Come abbiamo visto per usufruire del 110% si devono fare dei lavori di risparmio energetico sul nostro edifico. Questi lavori devono raggiungere determinati livelli di classe energetica per poter beneficiare dell’Ecobons 2020 110%.

Si tratta di lavoro di entità importanti, che hanno un impatto su tutto il condominio. Difficilmente riuscite a soddisfare i requisiti energetici solamente cambiano i vostri infissi. All’articolo 128 del Decreto Rilancio sarà possibile beneficiare dell’agevolazione EcoBonus per il 110% per gli interventi “pesanti”, come:

  • Isolamento termico superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo.
  • Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale (riscaldamento) esistenti con impianti centralizzati o unifamiliari per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, o a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, ovvero con impianti di microcogenerazione. Limite di spesa di 30.000€ per unità immobiliare.
  • Installazione impianto fotovoltaico e di accumulo (se abbinati ad uno degli interventi precedenti).
  • Installazione colonnine ricarica auto elettriche (se abbinati ad uno dei primi due interventi).

Per non sbagliare è importante affidarsi a ditte esperte di risparmio energetico.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Cappotto termico e Insufflaggio Intercapedine con il 110%

Un lavoro di cappotto termico sulla facciata o di insufflaggio in intercapedine su tutte le pareti di un edificio possono permettere di soddisfare i requisiti EcoBonus 110% rispetto alla tipologia di lavoro Isolamento termico.

L’articolo 138 ricorda che i materiali isolanti utilizzati devono rispettare i criteri ambientali minimi di cui al decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 ottobre 2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 6 novembre 2017.

Il limite di spesa per interventi di isolamento termico è di 60.000€ per la singola unità immobiliare.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Caldaie a Condensazione e Pompa di calore con il 110%

Anche in questo caso è possibile usufruire della detrazione 110% sia per le parti comuni (impianti centralizzati) che per le singole unità unifamiliari (impianti autonomi).

Per la sostituzione dell’impianto di riscaldamento esistente deve avvenire con:

  • Caldaia a condensazione di almeno classe A.
  • Pompa di calore.
  • Impianti ibridi o geotermici.
  • Impianti di microcogenerazione.

Il limite di spesa è di 30 mila euro per unità immobiliare e comprende le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Impianto fotovoltaico e sistemi di accumulo con il 110%

E’ possibile installare un impianto fotovoltaico connesso alla rete elettrica su degli edifici con la detrazione Superbonus 110% nei limiti di spesa di 48.000 euro totali o di 2.400 euro per kW di potenza nominale dell’impianto solare fotovoltaico se l’installazione avviene congiuntamente ad un degli interventi di riqualificazione energetica di prima (cappotto termico, caldaie a condensazione, …) o sul tema rischio sismico.

E’ possibile anche l’installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici nei limiti di spesa di euro 1.000 per ogni kWh di capacità di accumulo del sistema di accumulo.

Colonnine auto elettriche a casa con il 110%

Interessante incentivo come spianta alle auto elettriche è la possibilità di fare installare delle colonnine per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Anche in questo caso è possibile usufruire del Superbonus 110% se l’installazione viene fatta congiuntamente agli interventi di riqualificazione energetica di prima (cappotto termico, caldaie a condensazione, …) o sul tema rischio sismico.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Sostituire gli infissi con il 110%

La sola sostituzione degli infissi non rientra nel Superbonus 110%. Inoltre cambiando solamente gli infissi non si riesce a si riesce a far migliorare la classe energetica di due livelli.

Però è possibile unire la sostituzione degli infissi con uno degli interventi ammessi dalla detrazione 110%, come un cappotto termico o anche una sostituzione di un impianto di riscaldamento centralizzato. Nel caso del cappotto termico la sostituzione degli infissi spesso è consigliata per completare il lavoro. In questi casi puoi beneficiare del 110%.

Tende da sole o coperture solari con il 110%

Situazione analoga agli infissi. La sola installazione delle tende da sole o delle coperture solari non permette di beneficiare del 110%, ma se questo intervento è unito ad uno più ampio, come il cappotto termico, diventa possibile.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Limiti di spesa Superbonus 110%

Nella successiva tabella riportiamo i limiti di spesa del Superbonus 110% per le principali categorie di lavoro.

Superbonus 110%Limiti di spesa
Interventi rischio sismico
(sicurezza statica, riduzioni classe di rischio, ...)
96.000 euro per unità immobiliare
Isolamento termico
(cappotto termico, insufflaggio intercapedine, ...)
60.000 euro per unità immobiliare
Sostituzione impianto riscaldamento
(caldaie a condensazione, pompa di calore, ...)
30.000 euro per unità immobiliare
Impianto fotovoltaico48.000 euro totali o di 2.400 euro per kW
Sistemi di accumulo1.000 per kWh
Colonnine auto elettrichend

Arrivati a questo punto non ti resta che parlare con una impresa per far avviare al più presto i lavori e sfruttare al meglio la possibilità di fare i lavori gratis.

Richiedi un preventivo GRATIS100% Gratuito e Senza Impegno

Se sei un professionista o una impresa edile esperta di interventi di riqualificazione energetica e vuoi ricevere gratis richieste di preventivo per trovare nuovi clienti, registrati gratis seguendo questo link: Registra la tua impresa GRATIS

6 commenti su “Superbonus 110%: domande e risposte sui lavori ammessi”

  1. Buonasera, quindi se ho capito bene, se dovessi rifare il tetto, il cappotto, sostituire gli infissi, cambiare impianto di riscaldamento e magari installare anche un fotovoltaico, posso arrivare come tetto massimale, sommando i vari limiti di spesa?
    Se dovessi pagare tutte le spese di tasca mia, riferendomi all’Ecobonus 110%, lo stato mi rimborsa in 5 rate annuali indipendentemente dalla capienza del mio IRPEF?
    Grazie per la risposta.

  2. camillo bonfanti

    Ho letto che il superbonus è richiedibile anche per la sola sostituzione di una vecchia caldaia con una a condensazione, purchè si guadagnino almeno due classi energetiche, oppure anche una sola, nel caso non fosse possibile due classi. E’ vero? Abito in un palazzo di 8 appartamenti disposti in quattro palazzine di due piani. E come faccio a sapere quale è la mia classe energetica attuale e quale sarebbe quella derivante dal cambio caldaia? Grazie!

  3. Salve per impianti di riscaldamento si intende solo la caldaia / generatore di calore o anche il rifacimento dell’impianto e l’adozione di sistema di termoregolazione efficiente?
    La cessione del credito alla banca / intermediario finanziario non comporta nessun anticipo da parte mia, corretto, oppure la banca mi apre una linea di credito che poi non comporta pagamento di rate che loro recuperano dallo stato?

  4. Una società immobiliare, detiene un immobile con parti (accesso, tetto e quant’altro) in comune, suddiviso in 6 unità immobiliari locate (appartamenti, negozi, uffici).
    E’ possibile accedere al SUPERBONUS 110 per i seguenti interventi negli spazi comuni?

    Gli interventi da realizzare sono:
    -Cappotto termico
    -Facciata frangisole
    -Coibentazione tetto con rifaicmento
    -Ascensore

  5. No, lo stato ti rimborserebbe in 5 rate annuali NEL LIMITE DELLA TUA CAPIENZA Irpef.
    Come esempio, tu fai un lavoro da 40.000 euro tutto soggetto al bonus 110%, quindi puoi detrarre 44.000 in 5 anni, ossia 8.800 euro all’anno. Se però tu hai pagato 6.000€ di iva in un anno, quello è il massimo rimborso che riceverai.

  6. Salve, prossimamente ma non nell’immediato dovremmo effettuare intervento di riqualificazione energetica con sistema isolamento a cappotto alla palazzina ……..chiedo…….. se nel frattempo posso intervenire sui miei muri perimetrali della mia sola abitazione con l’insufflaggio materiale isolante beneficiando dell’ecobonus 110 % ?……..potrei avere problemi con l’Agenzia dell’Entrate ? ………andrei a migliorare ulteriormente l’isolamento . Grazie

Lascia un commento o fai una domanda